Il broccolo

In questo momento così carico di problemi, in cui molte cose accadono in ogni istante del giorno, c’è un posto invece dove si vive in una condizione paradisiaca. Questo luogo per chi non riesce ad immaginarlo si chiama paradiso. In paradiso c’è di tutto, proprio tutto ciò che c’è in paradiso – ma verso le dieci, le dieci e un quarto della mattina succede qualcosa, che sembra riportare il paradiso nel tempo. Alla Sua porta, dico alla porta del padre eterno, immancabilmente bussa Mosè che porta con sé i frutti dell’orto che continua a coltivare, e, oggi à bussato alla porta con dei broccoli meravigliosi e verdi.

Si narra qui sulla terra che Mosè appena giuntovi, abbia detto: La terra me l’ài promessa e me la devi dare e per il fatto che sono giunto qui in paradiso vuol dire che non mi impedisci più di entrare nella terra promessa, e per questo voglio la terra. E sembra che tra il riso di San Pietro e lo sconcerto di Matusalemme – Il padre eterno gli abbia rigenerato un bel orticello, con una bella irrigazione e una terra fertilissima. Un bel giorno è anche accaduto che Mosè abbia iniziato a parlare dei dieci comandamenti a un gruppo di patate – che in modo incredibile gli ànno risposto: è proprio vero tutto questo è proprio quel che siamo e facciamo. E Mosè a quel punto preso da una grande gioia à iniziato a predicare ai broccoli, dicendo che un giorno avrebbero conosciuto Dio. Ed eccolo ora che bussa alla sua porta.

tutto come prima ovvero

Il sole spende, in cielo si formano le nuvole, se continua così si campa sempre meglio. A proposito di ciò c’è una storiella che gira in paradiso: Un essere umano appena giuntovi, si narra che fosse un Italiano – incontratosi con l’arcangelo Gabriele – che gli chiede: Allora come si campa? Sulla terra! risponde l’essere umano, non si lavora più! si campa di tasse e per questo lavora solo il governo! Detto questo si senti una gran risata che riecheggiò dappertutto – era Dio e aggiunse: Gli essere umani quando le dicono, le dicono così grandi che arrivano nell’alto dei cieli. L’altro giorno un altro à raccontato più o meno la stessa storia, che più o meno era impostata in questo modo: Gabriele, chiede: Come va! e come si campa sulla Italia: l’umano à risposto: Si campa di tasse! Gabriele ancora, E chi lavora? l’essere: Il Governo! a questo punto si è sentita una gran risata dappertutto.

ogni mondo è paese e, è meglio più che pensare ai governi a come raccontarsi ogni giorno.