…. anche i miti cedono ….

Non s’offedesse Signor Vulcano

Mo se o Vesuvio sbattesse o sballasse tutto il pianeta

Bè sembra una fetecchia.

Si alzava felice e con il sorriso nel cuore Mite e tutto il mondo nù poco sallibera, come a dire nùn famme sapé – che je vò bene – Famme vive. E il pensiero tutto il giorno ravviva e dove cerca e dove fa. Proprio esposito. Quanno tutta la scena sembra da voce atturne ò a voce che persone se litiga, pè niente e non se vo di niente bisogna stare solo a sentì sto amaro sibilo de nù caffè che nùn annasce mai – non se po’ di più che succede e non se po’ capì il vuoto infranto e, o Vesuvio tutto un botto da mite a mito si infrange e fa finta di sbottare – e je dico io mo: che voi vattenné – e pè nù momente non je a faccio chiù.

Dove sta, Dove sta me dico.

Il pianto e l’abbraccio

Annunci