in effetti per effetti

in effetti per effetti la questione del tempo sembra ovvia. certo non lo fu quando avveniva, e per tale accedere ne discussi come per motivare, ma non si volle accettare la concausa. Sono distratto ma voglio che sia scritto così dissi – mi si disse che non era possibile. Io obbiettai e feci leggere e, difatti quando lesse quel che lesse era quel che vi era scritto, oltre la questione se lo avessi scritto nel suo modo o nel mio. Ora dopo anni si presenta questo tema e il conseguente principio e risoluzione. Scrivendo i tempi vocali del verbo avere ho iniziato ad usare l’accento in sostituzione della h – ma non tutti i sistemi delle macchine da scrivere sono così duttili. Quindi in alcuni non è possibile la vocale accentata. Bene un po’ la si scrive con l’accento e un po’ con la lettera h. Ma in termini la codesta cosa pone l’essenziale nel tema, ovvero che lo scrivere sia identico alla pronuncia, più sul piano dell’ascolto che della vista. E pertanto nella scrittura a macchina sono tornato nello stilema originale che già usai a penna. Niente accento e nessuna lettera acca – ad eccezione della ho del verbo avere – che resta sia con l’accento, o nella h. Dipende da che macchina da scrivere uso. Ulteriore stilema ò tolto l’apostrofo all’un che finisce in vocale trovandone un altra nella parola che segue.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...