Immaginifico

Può l’uomo essere al di là del bene e del male? In una condizione in cui sa fare il bene senza che vi sia in alcun modo obbligato o indotto. In una condizione fortemente inclusiva appunto, condizione, immaginifica e prima di stato e perciò potere accettare il bene. In una condizione di stato può l’essere umano fare il bene, appunto conoscendo la sua condizione. Come dire in assenza di un governo l’essere umano può concepire e fare la scelta del bene? Per deduzione e concetto di affermazione è indispensabile che sia così – ovvero nello stesso modo della condizione al di là del bene e del male. Quindi l’amore può non essere una cosa relativa, ma aprioristicamente possibile della scelta individuale, come atto e non solamente conseguenza della condizione conosciuta. Or dunque è opportuno così riflettere  su cosa sia in definitiva l’attributo di intelligenza in conseguenza di un istruzioni e di là della conoscenza dell’altro e non soltanto in ragione del suo sviluppo relativo nella realtà, ma anche al di là del bene e del male della possibile condizione della verità, sua nel bene scelto. In conclusione e semplicemente ogni persona nella sua sostanza può generare il bene verso il prossimo e se stesso di là di una classificazione possibile di sola utilità.

Annunci