nella libertà di Dio e nell’amore di Gesù

questo mitico proclama dell’uguaglianza e dell’immagine. Forse il grande caos e l’ossessione. In natura nulla è uguale all’altro e niente e nessuno può essere lì stesse. Sì forse vi è la somiglianza e una similitudine ma tutto sembra uguale soltanto se è diverso, anche soltanto del relativo più ristretto: diverso allora può dirsi simile anche se appare una similitudine che lo fa sembrare lì stesso. Come dire gli uomini sono tutti nudi e tutti vestiti, e le donne. Fossero anche come dicono gli uomini. non sarebbero lì stesse. E perche se il mondo fosse numero non si potrebbe dire come si dice, sembrano uguali ma sono diversi e quando sono uguali stanno ognuno per suo conto. Oh! bella e che siamo allora tutte queste cose e nessuna di esse. Certamente perche se Dio ama Gesù lo ama. Ma lo fa sa sé. viceversa se lo facesse con sé lo farebbe da solo. E che vuol dire l’amore è sempre.

certamente ma se l’uomo e la donna anno memoria di sé tutto quello che sanno è unico ma universale. E certo che significa se ci si veste tutti uguale sembra che lo si fa insieme ma ognuno per suo conto. Oh! bella e che vuoi contare uno sono, sono tutti uguali con lo stesso vestito. Il vestito sembra uguale ma ognuno lo indossa per sé. E che si vede che s’immagina così, ogni volta che ne incontri uno ti dice la stessa cosa. Ma uno di che? Ma di vestito, e che vai a pensare. E sì allora se tutti sono vestiti parlano insieme, invece se sono nudi parlano da soli e uno alla volta. Mi sembra ovvio, se c’è una immagine parla da sé, se c’è la persona parla con sé. Eh! e che si dicono. Che si dicono, a saperlo sempre quello che c’è bisogno di dire e sapere e che cosa ti dice quello che sai, che vai a scoprire che pensavi fosse di un altro di chissà quale tempo e invece lo conosci per te come se ci fossi tu e ci sei, e ci sei per te con sé, con sé che ti dice e con sé che dici. Eh! allora se uno pensa può vedere con il cervello di un altro che so da un altra parte e sentite con le sue orecchie quello che gli succede. Be’! si sa e non si sa. del resto che vuoi dire se ti piace una donna ti piace la donna, non mi verrai a dire, dico non mi verrai a dire che tutte le donne sono uguali. Sì forse nel luogo e in qualche tempo ci si fa per quel che capita. Che se fossero fatte proprio tutte uguali, spiccicate uguale più che sosia gemelle, come anche la conformazione universale ci mostra ogni tanto, tu vedresti la stessa donna e invece d’immaginarla vorresti copulare con lei come fosse sempre la stessa? Eh! ch’è successo al mondo non è proprio questo? Ma che dici se anche ci provi non ci riesci neanche se tutti fossero costretti a fare quello che fanno. Siamo tutti uguali è per questo che facciamo le stesse cose. Eh! prova un po’ a fare la stessa cosa nelli stesso momento se state nello stesso posto come se non ci fosse il posto e neanche voi, per dire che state nello stesso posto come se non ci fossero due ma uno in due. Eh, che rifai il tandem. No con il tandem che vuoi vedere la schiena mentre pedali. Ti muovi e fai la figura. Allora se si sente insieme si è insieme ma sempre duo. Oh! ma non vorrai dire che il corpo e l’anima sono lì stesse ma stanno lì stesse e ognuno pensa il tempo ognuna al suo tempo e conoscono quel che conoscono. Oh! perbacco! Oh! pebacco. Allora non è proprio come la visita di leva dove trovi per sommo distretto prima del battaglione persone nate lo stesso giorno e lo stesso anno numerato, ma non si sa a che ora. E a che ora è! Ma!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...