un racconto di natale

Che dire quando le cose che accadono fanno impressione. Così stavano a dirsi gli avventori o i residenti delle chiacchiere nel bar di Gege. Disse un altro ma è una storia di tanto tempo fa chi vuoi che ci faccia ancora pensiero tanto da impressionarsi. E certo rispose un altro, ma il quadro l’occhio nero sta proprio dove stava quando gli fu fatto da quel detto Beppo il vasaio. Ma chi dici Beppo il marito di Assunta? Questa espressione, fece un gran clamore di risate. Il Beppo e il quadro di cui si parlava, era del 1400, quasi 1500. Ma fu proprio quel Beppo a fare l’occhio nero al quadro. Come raccontavano i miei nonni, questo Beppo faceva insieme alle pentole – e i tuoi nonni, lo interruppe un altro, ma se i tuoi nonni sono dell’altro ieri – e certo ma la storia che mi raccontavano era quella di Beppo, quando fu nel 1400, quasi 1500. Allora come dissero i miei nonni, il signor Beppo faceva anche piccole oggetti e anche di più grandi, come statue e statuette, con la creta di Dio come lui la declamava mentre la usava. Ma queste cose che a lui così tanto piacquero erano cose che lui di forza si può dire e ragione regalava, tanto che si accorse che erano più i regali che faceva che le pentole che erano di gran durata tanto ben fatte. Così, un bel giorno per questo suo fare si accorse che aveva più spese che guadagni e che un di più di provviste e spensieri chiamava le giornate libere, non gli bastavano o meglio non c’erano. E così un giorno nei suoi pensieri incominciò a dirsi, così come pensava: Io sono una pietra, tu sei una pietra, egli è una pietra, noi siamo pietre, voi pietre, essi sono tante pietre. Poi pensò: Io ò una pietra, tu ai una pietra, egli a una pietra, noi abbiamo una pietra, voi pietre avete, essi anno pietre. E mentre tutti questi pensieri si affollavano nella testa di Beppo, passò nella sua bottega un messo dello stato e, che gli disse che doveva del denaro alle terre della creta a chi più ne aveva offerta ch’era la tassa sul bisogno della materia. Beppo nel sentire il messo disse, volete un bicchiere di vino che non ricordo neanche chi sia il padrone delle terre, che mi donò la creta per fare le cose che feci. Vi ringrazio ma non mi spetta bere vino e le opere che avete fatto sono fatte e non vi modo di rimetterle nella terra e quindi lo stato chiede il suo abbisogno alle vostre opere perche dice di avere necessità. Beppo, guarda il messo ed esclama, eppure non avete bevuto il vino che vi offersi, ma parlate da ubriaco non poco di quale tempo state voi parlando, non capisco e soprattutto di chi se io son qui? Ma del tempo di chi dice ciò ch’è giusto e ciò ch’è sbagliato. Ma gentile messo, detto come lo avete detto voi sembra cosa logica, ma di chi sono le cose fatte e di quel che io sono non mi sembra di capirlo da quel che dite voi e neanche di ciò ch’è possibile fare, almeno per parentare la giustizia con la vita mia, ciò ch’è dono è dono, come ciò ch’è vivere è vivere, così io veci con il bisogno. E allora perche il vostro bisogno non doveva capire se dovesse esserci senza se io ci fossi, così avrebbe inteso cosa sia possibile per ella chiedere e per me dove essere. Comunque disse il messo, questo è quando io abbisogno da voi se volete darmi altrimenti vi tocca lavorare per me senza compenso per le necessità che lo stato vorrà chiedervi. Beppo lo guardò ancora e disse ancora, siete sicuro di non avere bevuto prima che veniste da me? il vostro di ora ragionamento mi sembra ancora più ingarbugliato del precedente. E se io vi avessi dato parte del mio dono, voi avreste poi restituito questo mio. Il messo rispose, se il dono è dono non è certo per denaro che si fa l’accordo, se il patto è libero non dovere o obbligo mi appartengono per qualsiasi regola vi possa essere e con codesto pensiero consegna a Beppo il documento che non sa. Beppo così tornò a pensare a quel che aveva in mente prima che giungesse lì il messo del comune. Nella mano aveva della creta che plasmo come fosse un sasso, uscì dalla bottega andò verso la chiese e giunto in dentro essa, sotto il quadro della Madonna, lanciò quel sasso di creta contro il quadro, colpendo l’immagine in un occhio – interruppe il racconto un altro, proprio come ancora ora – già, disse il narratore, ma sembra che Beppo in ragione di ciò che fece e per no pagare il debito, fu condannato e ucciso. Un altro che ascoltava il racconto disse, bene è stata un offesa. Disse il narratore, forse sarà stata di certo un offesa al quadro, ma anche ora che sono passati secoli, l’occhio che compare come scuro sembra appena dipinto, ma nessuno sembra vederlo, accorgersene per ricordare il quadro, insultato da Beppo che sembra avere pulito il quadro in quel punto con quel sasso fatto dalle sue mani nella creta. Sembra che sia avvenuto ad alcuni visitatori di questo dipinto, ancor oggi, di vedere riflesso in esso un uomo che toccandosi i baffi lascia al visitatore un sorriso.

Annunci

la barzelletta e il tempo

come fosse per dire comparazione, significato sul senso o semplicemente il tempo e un momento del racconto, forse il barzelletto. Per tutto il secolo scorso di alcuni anni fa molte crisi psichiche si manifestarono con il proclama di essere Napoleone e la questione ancor più rilevante fu quella dell’ambiente medico del come riuscire a capire “se fosse veramente Napoleone”. Allora un medico pensò di raccontare al paziente, molto paziente una barzelletta con la quale il paziente si sarebbe rivelato per quel era.

Per la rivoluzione Francese.

Un bel giorno il giorno dopo la distruzione della Bastiglia, come sempre accade, i commercianti e gli artigiani distrutta la galera Bastigliana tornarono a lavoro, mentre altri s’impegnavano a far lavorare la rivoluzione. Così due lavoratori andarono da Giosef, commerciante di vino, che come li vide disse, eilà, salve, salute. Salute Giosef, risposero gli amici, ai quali Giosef chiese, sapete dov’è Napoleone? Risposero all’unisono, dopo la distruzione della Bastiglia a corso via di gran lena e si è messo subito a marciare, verso l’Europa intera. Ma! sarà, ma qui all’oste, c’è un conto di bevute ch’è come un battaglion, chi lo paga. Al chè di questa barzelletta il medico rivolto al paziente gli chiedeva, lo paga lei.

Allora il silenzio può essere “apparente” ma la risata è schietta. E che dire di quella grande interlocuzione tra l’uomo e la sua immagine.

Ammirazione e

Un bel giorno come sempre dei tanti visitatori del museo del Louvre una persona estasiata si ferma davanti il quadro della Gioconda di Leonardo Da Vinci, pronto, passa di lì un addetto, che sorride con fare interlocutorio, La persona rivolgendosi, dice: Vorrei sentirmi importante come questo quadro. Allora può andare alla toilette, se si guarda allo specchio c’è anche un pennarello con cui può disegnarci dei baffi.

E allora il tempo è anche più tempo e la rappresentazione incredibilmente incredibile.

Il Tragitto

Oh quel giorno un tizio venne, disse. Cerco Giuseppe, quello che vende la frutta, per dissi, non lo conosco, qui c’è Mosè. Mosè, è il soprannome dissero. Allora è lì, in quell’orto del convento delle Suore, vada lì in quel cancello, s’è chiuso le chiavi le tiene Mosè, ma non sarà San Pietro, no, no, è Mosè è sicuro.

quando si fa silenzio

C’è un luogo dove gli uomini si fanno impauriti, come a dire che succede se amo. così disse, Endegardo Dibiscaglione. E la paura più grande è di non essere per questo amati. Così rispose, Genelao Dicostanza. E certo si continuo a dire, prima l’uno e poi l’altro, alternandosi l’uno e poi l’altro. Quindi se si vuole essere più forti per volontà, per sopraffarsi succede che si soccombe alla caducità del corpo imminente come fosse un pensiero fisso per avere più attenzione da ciò che ci anima, questa condizione ci fa vedere la nostra condizione troppo umana prescindendo appunto dall’affermazione della nostra volontà di potenza che è soggetta a tutti i perigli della natura che vorremo per noi soltanto e della spada che per quanto rinfoderi dal fodero si estrae e ridiscende. Allora ferma la spada la volontà è amore. Ferma la spada, ci vorrebbe per lo esempio una roccia, ma ancor più un significato, e, se la forma cambia il contenuto dell’essere trasforma, come fosse un crocifisso e la fede dell’amore in una preghiera infinita. Chi ascolta parla e chi parla è ascoltato, il silenzio è eloquente come la voce di Dio che non cessa mai di essere parola che ascolta e compie. Ma se lo amore libera la volontà dal volere, l’amore è vita e non bisogno, allora che paura può esservi di non essere amati e conoscenti dell’infinita anima che per qualunque terra ci amerà come possiamo trasformarci.

Eh! dici bene Genelao Dicostanza, ma quanto si praticano le donne è bene attenersi al detto: “Moglie e BUOI dei paesi tuoi. Ma lo dire ciò è tipico delle donne del tuo paese, che con facile eloquio, così esprimono la loro paura per cercare con sorte sociale del pensiero e dell’atto, la paura per pronunciare il loro editto, come fosse attributo del perche tu conoscetti donne di altro loco, mentre esse pretendeva obbedienza senza concedere ne amore o benevolenza per lo conoscere l’amore stesso e in cerca soltanto della virtute dell’apparenza chi io sia dove tu lo pensi.

Bene, ma da così tocca e del resto come puoi fare tu altrimenti. Ma come io ti dissi io appartengo, e Dio lo volle per questo, perche Io son di Terra e le mie donne le dico tutte terrestri e per lo quale non mi possono che toccare e senza remore o pensieri, perche tanto sono del luogo e del fatto e per questo mio stare, dovunque io vada sempre ognuna di esse mi appare, sia per fine che per concetto. Oh! bella mi rispondi così, e anco io allora son di Terra e le donne mie pure. AH! così mi dici, perche non ti vidi prima di ora innanzi a questo discorso? Ma è ovvio perche la terra è grande e non sempre ci si incontra, per lo vero si finge codesto quando si ci scontra? come per essere nel singolar tenzone colui che volle e non colui che ama per donzella partecipe. Ma singolar pensiero non ti ò mai visto in quel del Lazio, nella frazione, chiamarsi Terra, come di comune di Castelnuovo Parano. Diamo allora dato il mio non averti compreso, che ciò può essere perche io venni prima della vista di qualsiasi nuovo castello.

Il giorno appresso

il 1968 una festa o un ricordo, spesso una mappanza e un rivoluzione. Roba un poco da sciapotti e da far ridere? chissà una granconfusine. Sono forse cinquant’anni ormai e non si comprende perche a 50 anni sia una ricorrenza. E allora se penso a quei giorni disse uno dei tanti di quell’epoca, ricordo che le donne che si facevano rivoluzione mettevano le mini gonne come noi bambini con i pantaloncini corti, il che ci fece molto ridere e finalmente si parlò del sesso, dei fiori che facevano i figli e la pace come quelli dei cavoli in fiore. Così molte donne iniziarono a disegnare il proprio sesso con le mani e dicevano che il disegno era il loro e ne facevano quello che volevano, e, così per questo tra quelli che cercavano di essere liberi e quelli che volevano i diritti, vi era una grande differenza, i primi praticavano cercando il modo di fare quel che volevano con quel che potevano, anche niente come concetto del vuoto astratto riferito al denaro. Quelli che invece non avevano voglia di fare niente volevano essere visti come lavoratori di concetto. Quindi la pratica e la confusione del disegno. Così avvennero dei cambiamenti grazie al sentimento dei primi, i secondi dessero che occupavano dei posti e quindi rappresentavano lo stipendio. Ma appunto quei grandi fattori della libertà sessuale si espressero anche in questo modo nel racconto di uno dei tanti di quell’epoca.

La prima volta che ebbi una proposta sessuale era credo l’anno millenovecentosessantotto, chissà forse anche il 1969. Avevo circa cinque anni e due tipi dei comunisti italiani, anch’essi della stessa età, mi chiesero, se conoscevo il sesso, e dopo che riuscimmo a capire di cosa si stesse parlando dissi che sì lo conoscevo era ciò con cui un maschio e una femmina facevano i figli. Ma loro mi dissero che ci si poteva fare altre cose anche tra maschi, io risposi che si confondevano che i figli non si potevano fare. Mi dissero che si poteva provare piacere, ma non riuscivo a capire ancora in che modo e mi dissero che se ci spogliavamo si poteva provare piacere, e, allora chiesi loro se lo avessero mai fatto, risposero di sì e tanto fu la loro insistenza e la curiosità che gli dissi, va bene, scopriamo s’è vero. E mi dettero appuntamento per incontrarci più tardi in un altro posto. E qui nacque il primo ministero del comunista italiano, perche i tipi per paura che io dicessi cosa mi avevano chiesto iniziarono a dire in giro che ero stato io. Ma dato la provenienza camp chil nacque un pandemonio nel loro ambiente ateo sessuale in virtù dell’onore mancato del loro sedere ancora invisibile. Chiarito il gran casino che non si comprendeva dove iniziasse e dove finisse e dove delle topone ti potevano apparire all’improvviso senza che tu sapessi bene cosa fossero, né perche per poi sparire all’improvviso, la curiosità tornò e ci fu l’incontro. E il partito comunista italiano per chiarire il pensiero della sua dialettica e dei suoi iscritti fece l’arci gay. Ma tra i bimbi successe il vero pandemonio, tutti lo chiedevano e si dicevano di no per virtù della chiappa, per poi richiederlo e dire di sì alla curiosità da un altra parte, ci si conosceva era meglio, non ci si conosceva, era un triangolo era un disegno. E insomma dopo il grande bum ci fu una grande attesa prima di una donna vera. Del resto a tutte quelle che lo chiesi da Bambine che mi risposero di essere matto anche facendo finta di dirmi di sì come avviene spesso, furono da me così emancipate nel pensiero, ché furono loro a fare la domanda cui non dettero risposta e sempre in altra epoca con qualcun altro e che mi veniva a raccontare il fatto per vantarsi e io continuavo A DIR bene della ragazza. Insomma scusatemi il gerco, comunistico, ma molte donne non capiscono un “cazzo”. Del resto debbo confermare che lo donne comuniste italiana si sono sempre poste di quel tempo libertario un po’ come ultimo tango a Parigi se si vuole un po’ sorridere, in realtà. Tra quelle che non sapevano proporsi e per questo s’immaginavano il perche, immaginandomi senza conoscermi, e quelle cui io spiegavo cos’era il piacere insieme ed essere insieme e saper bene dove e perche, e per questo era più probabile e più “provabile” che divenisse una missionaria senza fare all’amore con me, come avesse già fatto con mille altri. Insomma ora che si fa categoria e germe il tempo dell’illazione e della fellazione figlia del progesterone, uno di quei tanti si sentì curioso naturalmente anche avendo ben chiaro quello che succedeva. Possiamo dire la stessa cosa o si ètutti veterinari quando si fa sesso.

Super Barzelletta

Un tipo entra in un aula di una scuola inglese per insegnare l’italiano.

Bene sapete dirmi qual è quella lingua che si scrive in un modo si pronuncia in un altro e a il significato pensato in un altro modo o scritto in un altra lingua? Tutti gli studenti iniziano a ridere. Perche ridete? uno studente risponde, ma perche non esiste. E il naso degli studenti incomincia a divenire rosso. Allora ditemi qual è quell’idioma linguistico che con lo stesso termine descrive cose diverse? ma l’italiano! esclama uno degli studenti. E il naso degli studenti diventa ancora più rosso, sembrano dei lucignoli, ma qualcuno dice all’altro di sembrare un lume.

Il tipo nel guardarli dice. Certo avete il naso rosso perche siete di carne e ossa, ma se foste come quel burattino fatto da Geppetto con un pezzo di  tronco di albero come narrato nella storia di Collodi, il vostro naso si allungherebbe, come quel pezzo di legno che in onore al Pino Geppetto chiama Pinocchio. Un piccolo occhio che si apre e osserva il mondo che vive e lo circonda. Il burattino è tale e rimane tale perche dice bugie che non conosce e quando le conosce osserva il suo naso e vede la fatina che gli dice la verità e torna bambino per fare le cose che dice e ascolta in sé e vede.

Ora vi chiedo cari studenti, c’è qualcuno che a una mela? Una studentessa si alza e ridendo di molto sorridendo dice, una mela non l’ò però ò un altro frutto o meglio frutta. Tutti gli altri studenti iniziano a ridere con il naso che si schiarisce. Una bella frutta, grazie. Se fosse un vegetale potrei mangiarlo, ma in questa condizione posso soltanto baciarti. Io.

teatro popolare o tragedia collettiva

Si potrebbe semplicemente dire molto rumore per nulla. Insomma il tema teatrale o l’attore o la messa in scena? di fatti lo spettatore assiste da solo a quel che vede o ne fa una farsa collettiva? Allora che cosa dico per quel che riguarda l’autore che ò concettualmente citato fin ora, quando vidi ragazzo o bambino non ricordo che età avessi, il film di Zeffirelli Romeo e Giulietta, tratto dall’omonimo testo teatrale di Uilliam, mi piacque ma rimasi perplesso finché, non ricordo neanche se conoscessi Uilliam, finche dissi questo significato non mi piace. Per significato intendo il tema che tiri estrapoli dalla storia, questo, il potere è sempre ignorante e soccombe all’astrazione come altro concetto, indipendentemente da dove si formi e dove sussista. Credo per questo detto che mi piacesse l’attrice, e l’ò desiderata in quanto innamorato. Bo!! Insomma per mia sostanza ò trovato Uilliam sempre molto noioso, proprio per questo tema su di cui c’è un gioco delle parti, per esempio il teschio di Amleto del ritrovato suo amico, la pazzia di Ofelia i film di Kennet Branagh, insomma l’ex di Emma non so se l’ò scritto corretto. Insomma la morte non può vincere la morte Satana è contro se stesso, inevitabilmente. Come Amleto parla cercando il suo amico in sé con il teschio nella mano quando la persona è già dove non c’è raffronto. Il dilemma è forse ormai perche Dio è nella condizione che à posto l’essere se l’essere è salvo nel sé medesimo. Si è forse in preda alla follia delle passioni, al piacere che schiavo assomma l’ostilità, all’odio, l’astrazione all’invidia, la propria condizione al potere che ne manifesta una certa forma nello spazio? O la persona ama e per questo non sa niente e può essere felice, per sempre? Molti si classificano e si stratificano esibendo una temporalità, inebetita, pensate ai tempi mai caduchi del pregiudizio, pensate alla lunga per ogni passata e futura, dove in ragione di un gatto persone venivano torturate per patti con il diavolo – si è mai trovato un verbale dove si fosse chiesto al gatto cosa gli avesse detto il torturato – e a porre fine ciò pensate sia stato il progresso scientifico, o più pacificamente l’abiura di Galileo Galilei, dove in virtù del non più libero pensiero si dava ciò che per sue stessa evidenza era assurdo negare?

nel passato civile troppo civile

me ne sto sdraiato sul grano nella collina di Monte Renzo e guardo il cielo come ne fossi il promesso sposo, tornando indietro con il pensiero alle cose accadute prima che nascessi, un pensiero come dei fatti e dei luoghi.

mi trovo in un tempo difficile tra i disastri della guerra e le civiltà degli uomini e con il pensiero guardo a quel termine della parola che si chiama civile. l’essere una persona civile significa stare nella libertà con i propri principi personali che sono la costruzione del proprio mondo interiore e del tempo dello spazio circostanti, è questo un modo di essere della persona di essere in se stesso e nel mondo. questo ci indica una comprensione che non è un contrapposto sia per volontà o forza relativa. Come il pensiero di Socrate e la coscienza di cristo. La bontà di un individuo è presente e non è retorica ed è appunto un capire il bene nella liberà di amare e così in tali principi una persona così espressa civile si manifesta nella cultura come se stessa di là della socializzazione o della stessa civiltà costituitasi nel tempo storico.

come dicevo con il pensiero disteso nel grano mi trovo nella guerra a riflettere sugli episodi che il contingente del carattere umano mostra per placare e essere nel proprio orgoglio o pregiudizio, o risoluzioni politico amministrative, dei cosiddetti stati così governati. in quel l’epoca questa in cui manifesto questo pensiero, vorrei cominciare con una frase del filosofo Benedetto Croce, che nel caos parlamentare dell’Italia di quel Suo momento: Enunciò il concetto che ci sarebbe voluta una dittatura per mettere le cose in un ordine che funzioni. L’aria che muove il grano mostra chiaramente ch’è il mio pensiero che riflette, ed è veloce e breve. In questa immagine del grano mosso dal vento, da me formata in modo retorico muove il senso di un azione politica che si chiama Fascismo, i fasci di grano e le sue fascine che nutrono l’uomo e lo rendono presente e tutt’altro che retorico. Questo è il concetto ideologica con il quale Benito Mussolini a realizzato il fascismo – esso sembra quasi un anteposto di quel che può essere un articolo giornalistico nell’atto stesso in cui viene scritto ed espresso da colui che ne interpreta i significati che pone nell’analisi di chi lo legge, senza travisare ciò ch’è appena accaduto. Silenzio il nemico ti ascolta frase retorica del pensiero controllato o della presenza ideologica del fatto che si svolge. Questa cerco non era una delle miglioro frase molte erano più significative, scritte sempre suo muri delle case a perenne e futura memoria e fin negli anni settanta era ancora possibile leggerne prima che il tempo le cancellasse con atmosfera e bisogno della parete. Ma siamo in epoca di guerra e la tragedia è al culmine e gli episodi significativi che penso sono codesti, Nietzsche in espressione di civiltà personale tra il proprio mondo e quello sociale nella città di Torino iniziò ad abbracciare e baciare i cavalli delle carrozze e molti lo presero per tale manifestazione di amore per la natura per sconclusionato. Quando Mussolini mise le dimissioni nelle mani del Re si verificò qualcosa che sembrava incredibile di fatto la fine del fascismo e della sua organizzazione sociale. Mussolini che sul Là dell’entusiasmo sociale era riuscito a mostrare un viso da folle rimbambito nella pubblica dichiarazione di guerra mondiale aveva compreso di non poter controllare più nessun effetto di essa né governare più l’equilibrio sociale che aveva immaginato o sognato dell’Italia, né l’odio della ignoranza della contrapposizioni politiche che stava generando la guerra stessa. Mussolini viene imprigionato e di fatto consegnato all’alleato tedesco che se avesse compreso avrebbe concepito la fine della guerra – Io dico che della repubblica di salò non sapesse un bel niente cosa troppo retorica per la sua stessa mentalità seppur con atteggiamento conclamato. In uno dei film, diciamo ambigui di Pasolini su tale avvenimento la retorica di quel momento e quello dell’antifascismo anche post bellico è mostrato con una retorica forse orribile. Tipo quella che à caratterizzato gli anni di piombo in Italia nella guerra ideologica militare del terrorismo che nella prerogativa ideologica di cosa fosse di destra e di sinistra Tra Fascismo senza grano e comunismo scolarizzato ciò che doveva emergere era la rivoluzione della classe operaio che veniva pagata con le tasse dei commerciati nella fiat per un governo proletario.

di fatti la guerra rende sbandati così come erano quelli che sono stati considerati partigiani e non gli si può fare una colpa se l’ideologia anti a rovinato molta gente italiana che secondo loro doveva insorgere contro l’occupante nazista che però era anche fascista dalla repressione dei tedeschi sulla popolazione civile per rappresaglia agli attentati dei partigiani. E se nella città di Napoli c’era stata l’insurrezione popolare compresa la fine del fascismo contro l’occupante a quel punto straniero – dall’azione dei partigiani o da quelle politiche strategiche se ne usciva con Salvo D’Acquisto, che mette paura pure ai carabinieri, Giovane ragazzo che già chiamato dalla mamma salvo per la nascita della bontà di Dio, aveva nel cognome un mistero d’acquisto come se dovesse conquistarsi il paradiso dalla terra. E in una tragica discussione tra esseri umani riuscì ad entrare negli ordini dei soldati tedeschi e scambiare la Sua vita con quella delle persone non militari che dovevano essere uccisi come civili nello scambio tra la morte del tedesco e quella dell’Italiano. E qui voglio ricordare Don Milani che in un documentario disse che i disastri della seconda guerra mondiale sono anche responsabilità delle persone che anno obbedito alla guerra. E allora ora bisogna ricordare ancora Benedetto Croce che nel Suo Idealismo post guerra disse che il Re era responsabile dell’accettazione del regime fascista, il gusto cambia ma l’appetito rimane. E voglia bontà umana che il Re abbia posto fine alla sua eredità amministrativa del tempo e dei così e sia andato in esilio. Gli Italiani che ci furono sono quelli che anno ricostruito un Italia distrutta dalla guerra che fin quando anno potuto anno realizzato, poi son tornate le funzioni anti fasciste o consociative che con l’avanti o indietro se stanno ancora a magnar tutto e mi pare che ancora come disse Mussolini Dalla repubblica di Salò me paiono buffoni. Adesso è meglio che me ne vado sennò viene il contadino e mi dice che gli sto a pestare il grano.

Le Monde

e dire di questo Argomento, ecco dunque

La parole Viva, in Italiano è abbreviata con una doppia vu o evve incrociata così: W in questo modo si rende graficamente esclamativa la parola viva, che può unirsi per esempio con il termine, la foca, appunto per esclamare la parole e il termine al suo significato, appunto: W LA Foca. La foca è un animale specifico, che per quando può essere bello può essere apprezzato per questo in questo modo. Ora se noi trasponiamo questo W a un concetto del tipo umano, o di genere, in questo caso femminile, concettualmente potremmo esprimerci dicendo, appunto: W La Fica, in quanto pensiero principe per la riproduzione sessuale con l’estensione nel piacere dei sensi. Si osserva così una leggere differenza con il termine, viva, ch’è una forma di augurio o di auguri, tipo per un compleanno, con la parafrasi ad esempio di ciò con l’espressione: Cento di questi giorni, o anni. E quindi per rendere ancor più specifica, la gioia e l’esclamazione del W, bisogna aggiungere, volendo, altre doppia W dico volendo perche la parola Evviva è implicita in W. Perciò con WWW, viva, viva, viva, è pure un Evviva la fica.

Ora a tale eloquio grafico espressivo vorrei aggiungere un cenno storica, che penso sia anche citato nel film “Amarcord” (mi ricordo) di Federico Fellini, ché verificatosi in altre parti della costa del mare Adriatico, compresa Porto D’Ascoli; nell’annessione dell’Etiopia furono fatte molte recite popolari nei paesi con gli attori che reinterpretarono l’avvenimento storico e il successo appena verificatosi, e quando il condottiero che poteva essere anche il duce giungeva a proclamare al popolo l’avvenuta cosa, si espresse in questo modo: La Topa è nostra, evviva, evviva, e anche se il riso tra gli avvenuti inevitabilmente trapelava nei loro visi, la gioia era ancora più grande perche nella parafrasi del termine topa vi era quello di fica, che irresistibilmente l’attore interprete esclamava di là di qualsiasi copione teatrale fingendo la propria ignoranza della lingua italiana.

a terra

A te l’anno promessa, a te l’anno data, a te l’anno rubata, Io ci sono nato

da Tre teste.

C’è chi crede di essere lo stato. C’è chi crede di essere la verità dello stato. C’è chi dice di essere la giustizia dello stato.

Lavoro tra carità cristiana e verità.

Lo stato non è un concetto ma una astrazione della facoltà di chi vuole essere libero di mangiare bere e dormire insieme agli altri o da solo. Come vuole e quando vuole e come vuole e quando vuole l’altro, come solo o con gli altri.

lo sbadiglio

la mattina con uno sbadiglio stiracchiandosi prima di alzarsi dal letto ti fa sentire bene. In tutti i letti in questo momento è il momento di stiracchiarsi e letti. Allora tra qualche istante sul mondo vi saranno tanti modi e risorse di produrre energia elettrica o di riscaldamento che sarà bene non continuare ad abusare sprecando, anche se potrebbero sembrare inesauribili ed equilibrate da inquinare molto meno. E allora tutte le risorse energetiche saranno liberamente usate per le necessità di ogni singolo individuo, che più indipendente potrà volendolo collaborare con un altro individuo. Ora tutto diventerà più fruibile e meglio utilizzato dal petrolio all’idrogeno. Ciò comunque à un purtroppo che è conseguente il silente mondo dell’Io umano, è l’appartenenza all’importanza o alle paure. Ora è ovvio che vi saranno attributi in delle facoltà umane che cercheranno come è avvenuto negli ultimi trent’anni di massificare il pensiero e ridurlo in schiavitù conflittuale per il controllo di un Io immaginario quando astruso per l’uso e la necessità individuale. Credo che ci sarà “qualcuno” che cercherà di sviluppare il conflitto sul possesso selezionando la risorsa energetica come dominante del conflitto personale dell’io sociale per annebbiare il senso di una eterogenea scelta individuale. Perche un io immaturo come quello contemporaneo fa gioco forza riferimento ad un auto feudale immagine di sé. Ora sostanzialmente sono tutti servi della gleba, benedetta terra, ma per un attributo concettuale del cavernicolo feudale il riferimento al rapporto di alta scolarizzazione in riferimento alla larghezza delle gomme della propria automobile evidenzia il tipo feudale di cavernicolo. In realtà tutti dicono di essere dei principi, ma manca il principio per cui dire di essere liberi e non gerarchizzati in modo feudale. Per esempio lo stato Italiano che a anche qualche qualità à un sistema di tassazione su sperequazione ambientale della caverna che vorrebbe dimostrare la differenza d’importanza dell’Io e dove sostanzialmente un’agenzia dell’entrate non contenta di chi si accontenta vorrebbe sopprimere l’indipendenza individuale, sopprimendo tale Io nel debito che ti piglia e non restituisce, per somma divinità dell’organizzazione del lavoro come gerarchia feudale dell’attributo dello stipendio senza guadagno in schiavitù del non più esistente commerciate onesto professionalmente perche con la passione di fare quel che sta facendo, ma che comunque deve qualcosa anche se non guadagna – questo anche per soddisfare gli attuali uffici del lavoro che insieme all’agenzia delle entrate fanno per tali contribuenti un associazione a pigliare, che sovente li emargina perche tale associazione sembra essere apprezzata dalla legalità della criminalità organizzata che à sempre i soldi. Per il mondo che sta peggio lo stato Italiano può sembrare una pacchia dove trovare sempre qualche imbecille con cui fare gli imbecilli e sentirsi migliori di qualche altro sovente più onesto di costoro ma Italiano come disse Gaber per fortuna o purtroppo, lo sono. Ma un italiano da che tempo storia e terra a che fare con il mondo vero.